Cultura e scienza / Opinioni

Petrolio e gas: la svolta della Banca Mondiale

A metà dicembre 2017 l’istituzione internazionale ha annunciato lo stop ai finanziamenti per l’estrazione dei combustibili fossili. L’Italia è rimasta indietro
Tratto da Altreconomia 201 — Febbraio 2018
L’annuncio è arrivato il 12 dicembre 2017, secondo anniversario dell’approvazione dell’Accordo di Parigi, durante l’One Planet Summit organizzato a Parigi dal presidente francese Emmanuel Macron: la Banca Mondiale non finanzierà più, dopo il 2019, le infrastrutture per l’estrazione di petrolio e gas. Potrebbe sembrare uno dei tanti annunci sull’ambiente, peraltro da un’istituzione che negli scorsi decenni non si è distinta per la sua lungimiranza, per usare un eufemismo; eppure è un segnale importante, necessario in questo momento storico in cui...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia