Altre Economie / Attualità

“Occhi aperti”. A Roma due giorni per il turismo responsabile

Il 26 e 27 novembre alla Città dell’Altreconomia il primo “Festival dell’altro viaggiatore” nella Capitale. È promosso, tra gli altri, da Pangea-Niente troppo e Altromercato Experience. Si parlerà anche del GRAB, un Grande raccordo anulare per le bici, una ciclovia turistica di 44 chilometri per scoprire Roma pedalando

La Città dell'Altra Economia di Roma: il 26 e 27 novembre ospita il Festival "Occhi aperti"
La Città dell'Altra Economia di Roma: il 26 e 27 novembre ospita il Festival "Occhi aperti"

A Roma il 26 e 27 novembre è in programma una due giorni dedicata al turismo responsabile e sostenibile: si chiama “Occhi aperti-Festival dell’altro viaggiatore”, e viene ospitato negli spazi della Città dell’Altra Economia al quartiere Testaccio.
A promuovere la manifestazione sono Consorzio Città dell’Altra Economia, Pangea-Niente Troppo, Altromercato Experience e Legambiente Turismo: “Occhi aperti” vuole rappresentare l’occasione per accendere i riflettori su nuove modalità di offrire e praticare esperienze di viaggio, all’insegna della responsabilità verso le comunità ospitanti e la sostenibilità nei confronti dell’ambiente, come descritte nel libro di Altreconomia “Il viaggio e l’incontro”.

Nel ricco programma (consultabile per intero sul sito della Città dell’Altra Economia) è inserito anche il convegno “Gli attori economici del turismo responsabile incontrano gli Interlocutori istituzionali”, che aprirà la mattina di sabato 26 novembre, dalle 10 alle 13, attraverso un confronto moderato da Marta Bonafoni e che vedrà la partecipazione di Paola Di Marzo – ViaggieMiraggi, Giulia Tolotti – Altromercato Experience, Sebastiano Venneri – Legambiente Turismo, Tatiana Marchisio – Assessorato Turismo Regione Lazio, Maurizio Gubbiotti – Commissario straordinario Roma Natura e Michela Valentini -Un’Altra Cosa Travel/Vivilitalia.

Il Festival, però, non è solo teoria: nel pomeriggio di sabato è in programma una passeggiata a piedi per le strade del Quartiere Testaccio, con un occhio sia ai reperti antichi (i resti dell’emporium mercato e la Piramide) sia agli esempi di Street Art e di archeologia industriale, senza dimenticare alcune particolarità nascoste e poco conosciute. Il “gruppo” sarà accompagnata da Francesca Virzì, archeologa e guida ufficiale della Provincia di Roma.

Sempre sabato in programma una mostra fotografica, aperitivo bio e la festa tematica con proposta di viaggio su Cuba.
Per tutta la giornata di domenica 27, invece, verrà dato ampio spazio al Mercato del viaggiatore, con un’area espositiva sul piazzale della CAE, per conoscere le realtà di turismo responsabile e sostenibile presenti: tra gli espositori, ViaggieMiraggi, Altromercato Experience, Pangea e AIAB Lazio, con il progetto “I percorsi agricoli del Lazio”. Alle ore 10.30 c’è invece l’appuntamento con la presentazione del GRAB, il Grande raccordo anulare delle bici, con un confronto di approfondimento sulla variante del tracciato, Ostiense-Garbatella-Testaccio. Il GRAB fa parte del progetto di ciclovie turistiche nazionali del ministero delle Infrastrutture: Comune di Roma e MIT hanno firmato a fine settembre un protocollo d’intesa, in merito ad un tracciato di circa 44 chilometri, ed è in fase d’avvio la fase di progettazione.

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia