Cultura e scienza / Opinioni

La chiesa simbolo della Napoli perduta che si è ritrovata

Il restauro del complesso di Gesù e Maria nel quartiere dell’Avvocata è diventato palestra diffusa di cittadinanza. La rubrica di Tomaso Montanari
Tratto da Altreconomia 204 — Maggio 2018
La chiesa di Gesù e Maria nel quartiere dell’Avvocata di Napoli
La chiesa di Gesù e Maria nel quartiere dell’Avvocata di Napoli
Napoli, Avvocata: quartiere popolare, in salita, prima di Piazza Mazzini e del Vomero. La chiesa di Gesù e Maria, che sorge in cima a una strada costellata di conservatori che, tra Cinque e Settecento, ospitavano le ragazze “pericolanti”: quelle che non avevano la dote per diventare mogli e monache, e dunque rischiavano di imboccare l’unica strada gratuita, quella della prostituzione. Un pezzo dell’immensa Napoli sacra: il sistema di conventi, monasteri, confraternite oggi in gran parte vuoto, abbandonato, sull’orlo del crollo....

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia