Diritti

L’inserzione galeotta

Da qualche tempo il presidente del consiglio esorta gli imprenditori a smettere di fare inserzioni pubblicitarie su alcuni giornali, quelli che il premier giudica come "avversari" suoi personali per le varie questioni che lo riguardano e anche avversari del sistema…

Da qualche tempo il presidente del consiglio esorta gli imprenditori a smettere di fare inserzioni pubblicitarie su alcuni giornali, quelli che il premier giudica come "avversari" suoi personali per le varie questioni che lo riguardano e anche avversari del sistema delle imprese in quanto diffusori di pessimismo.

Queste affermazioni, gravi di per sé, si possono anche leggere oltre e a prescindere da Berlusconi, nel senso che fanno capire quale sia lo stato di "normalità" per la stampa: un rapporto di dipendenza diretta dagli introiti pubblicitari, quindi dal mondo delle imprese, che in effetti possono affossare qualsiasi giornale tagliando le inserzioni. Tutte cose note, ma ora davvero evidenti anche per chi di solito fa finta di nulla.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia