Gli occhi scomodi di Open Arms, l’inganno della Libia sicura e la “regia” italiana dei respingimenti

Già nel marzo 2018 era tempo di “lasciar fare ai libici”. Ma la Ong Open Arms si mise in mezzo. Due anni e mezzo più tardi, comandante e capo missione della Ong sono stati scagionati dall’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Perché quel “caso” è decisivo