Altre Economie

Le 100 piazze della solidarietà

Iniziative in tutta Italia dal 12 maggio, in occasione della Giornata mondiale del commercio equo. In tour i produttori dal Sud del mondo

Tratto da Altreconomia 138 — Maggio 2012

“Dire basta all’economia della crisi, delle speculazioni finanziarie e dello sfruttamento” e “coltivare un’altra economia”. È con questi obiettivi che il 12 maggio un centinaio di botteghe del mondo italiane celebra la Giornata mondiale del commercio equo e solidale dando il via a “Io.Equo”, la nuova campagna del consorzio Altromercato (www.altromercato.it). “In questo contesto è importante far sentire la nostra voce, fornire ai cittadini strumenti per capire meglio le ragioni della crisi e, ora più che mai, è urgente fare controproposte positive e concrete” spiega Enrico Reggio, vicepresidente di Altromercato.
Per questo, la mobilitazione -cui aderiscono Altreconomia, Ctm Agrofair, Goel, Aiab, Libera Terra, Campagna Amica, Slow Food e Federconsumatori- vedrà le botteghe allestire stand in piazza e organizzare eventi per distribuire settantamila “Action Kit”, materiali informativi e proposte d’azione, come la cartolina da firmare per chiedere al proprio Comune di sostenere concretamente il commercio equo e solidale, rispondendo a una lista di richieste. Nel kit si trova una busta di semi di riso biologico italiano da seminare e diffondere per far “germogliare” simbolicamente un’economia nuova. C’è anche chi organizza un momento di “semina collettiva”, come le botteghe liguri che il 12 maggio -nel corso della fiera Equa (equoliguria.it)- semineranno il riso insieme a Neri Marcorè, o la cooperativa Unicomondo (www.unicomondo.it) che lo stesso giorno riempirà di vasetti di terra Piazza delle Poste a Vicenza in occasione di Veneto Equo, mentre la cooperativa Pacha Mama (www.pachamama-rimini.org) il 14 maggio seminerà insieme alle quarte elementari della Scuola “Fontanelle” di Riccione (Rn) presso l’Arboreto Cicchetti.
Le botteghe invitano poi i cittadini a sostenere l’economia reale, sostenibile e trasparente “mettendoci la faccia”: il sito ioequo.it ospita una galleria fotografica su cui -dal 12 maggio- è possibile caricare il proprio scatto. Ci si può far immortalare anche presso gli stand allestiti dalle botteghe in vie di passaggio, spazi pubblici e università. Prestano il proprio volto alla campagna anche don Luigi Ciotti e alcune nomi noti dello spettacolo come Claudio Bisio, Patrizio Roversi e lo stesso Marcorè. A girare l’Italia in una tournée dedicata alla campagna sono invece i rappresentanti dei piccoli produttori agricoli che lavorano per il circuito equosolidale Altromercato, che incontreranno il pubblico in varie città negli eventi organizzati dalle botteghe locali: Boonjira Tanruang, direttrice generale di Green Net, organizzazione di produttori di riso in Thailandia; Jaime Belen Copa, vicepresidente di Anapqui, che produce quinoa in Bolivia; Raùl Hernandez, direttore generale di Quali, che produce amaranto in Messico; Rachid El Hiyani e Mohamed Basaid di Taliouine, cooperativa di zafferano del Marocco; Mohammed Hmidat, direttore operativo di Parc, che produce cous cous e altri prodotti in Palestina.
A Roma la cooperativa Pangea NienteTroppo (www.commercioequo.org) organizza il Festival del Mediterraneo: si parte il 12 maggio con aperitivo e danze al Ristotheatre seguiti dal concerto di Eugenio Bennato, si prosegue il 17 maggio con lo spettacolo “Che Bio ce la mandi buona” di Diego Parassole (in coolaborazione con la cooperativa Equociqua, www.equociqua.it) per concludere il 25 maggio con una serata al Brancaleone. A Genova, “Coltiviamo un’altra economia” è il tema della sesta edizione di Equa, la fiera organizzata da EquoLiguria (coordinamento di 15 organizzazioni) con il sostegno della Regione Liguria: dal 10 al 13 maggio laboratori di cucina consapevole, visita alla mostra “Il profumo della biodiversità”, degustazioni, cene a tema e happy hour equosolidali. La sera dell’11 maggio concerto ecologico con la Banda di Piazza Caricamento, che allestirà un palco alimentato dalle pedalate del pubblico, e il 12 maggio lo spettacolo prodotto da Ram Viaggi “A Genova non ci sono più i pinguini” con Ugo Dighero. Ospitano le iniziative della campagna anche gli eventi di altre regioni impegnate nel sostegno in favore del commercio equo e solidale, come l’Emilia Romagna, con Terra Equa (terraequa.blogspot.it) il 26 e 27 maggio a Bologna (al convegno partecipa anche Altreconomia, con Pietro Raitano). Altri appuntamenti a Milano con Chico Mendes (www.chicomendes.it) che il 12 maggio in Cascina Cuccagna presenta la campagna insieme al libro “Un commercio più equo” (Altreconomia, 2011), con la partecipazione di Pietro Raitano e Raùl Hernandez, e cena a seguire. Anteprima della presentazione il 10 maggio a Cinisello Balsamo (Mi) presso Villa Ghirlanda, in collaborazione con l’associazione “Il Gusto della Solidarietà”. A Torino il 12 maggio presso +Spazio4, in occasione del Salone del libro si inaugura la prima edizione piemontese di “Tutti nello stesso piatto”, rassegna cinematografica organizzata da Mondo Nuovo  (www.mondo-nuovo.it) in collaborazione con Mandacarù e Altromercato. A Ravenna il 19 e 20 maggio “Io.Equo” è presente al Festival dell’economia solidale e del commercio equo organizzato dalla cooperativa Villaggio Globale (www.villaggioglobale.ra.it) presso l’Almagià; a Rimini dal 4 al 6 maggio con “Ecomia”, festa dell’economia solidale e responsabile a cura della cooperativa Pacha Mama; a Parma con un evento in piazza organizzato il 12 maggio dalla cooperativa Mappamondo (www.mappamondoparma.it) insieme a Libera, Ricrediti, Gruppo Mission e Mercatiniera. 
Il calendario completo delle iniziative dedicate alla campagna da decine di Botteghe Altromercato è sul sito.
Alle scuole è infine dedicato un modulo didattico che prevede attività interattive, suddivise per fasce di età, sui temi della campagna. Gli insegnanti e le classi interessate ad approfondire in aula possono compilare un’apposita scheda disponibile sul sito e  verranno contattate dai formatori. Per ogni info: www.ioequo.it. —

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia