Diritti / Opinioni

La giustizia fiscale non è una battaglia tecnica: è cruciale per far progredire i diritti umani

“Tollerare l’elusione e l’ottimizzazione fiscale da parte delle multinazionali più ricche, privando gli Stati di risorse aggiuntive, è un attacco diretto ai diritti umani. Senza questi fondi è impossibile ripristinare i sistemi sanitari”. L’editoriale di Magdalena Sepúlveda della Commissione indipendente Icrict

© Markus Spiske

Si è parlato molto del “mondo post-pandemico”, quello che sarebbe risorto dalle ceneri dopo la pandemia, si spera meno materialista, più sostenibile, più solidale e femminista. Ma una nuova ondata di infezioni e l’emergere di varianti sembrano spingere questo “post-Covid-19” ancora una volta indietro, e stiamo entrando nel terzo anno della crisi sanitaria. Mentre il mondo commemora la “Giornata Internazionale dei Diritti Umani” il 10 dicembre, è chiaro che l’ipocrisia e il cinismo rimangono all’ordine del giorno, in particolare da parte dei Paesi ricchi, che si occupano a parole della questione e allo stesso tempo contribuiscono con le loro azioni a negare i diritti umani fondamentali alla maggioranza della popolazione.

Covid-19 è il miglior esempio. Nonostante le promesse, la maggior parte degli Stati del Nord ha monopolizzato e si è accaparrata i vaccini. Oggi fa orecchio da mercante mentre un centinaio di Paesi emergenti, guidati in particolare dal Sudafrica e dall’India, chiedono la revoca dei brevetti sui vaccini e sui trattamenti contro il virus. Anche se i diritti di proprietà intellettuale non sono l’unica ragione per cui appena il 7% della popolazione africana è completamente vaccinata, sono un ostacolo importante. Questo egoismo da vaccino non solo è moralmente scandaloso ma sta già tornando come un boomerang nei Paesi ricchi quando emergono nuove varianti.

L’altro quadro deplorevole alla fine del 2021 è il numero crescente di tragedie di migranti alle porte della Polonia, nel Mediterraneo, nella Manica, o alla frontiera tra il Messico e gli Stati Uniti. Anche in questo caso, i leader dei Paesi ricchi fingono di dimenticare che mentre la ripresa economica è evidente nei loro Paesi, tarda ad arrivare nel mondo in via di sviluppo, che ha visto un’esplosione della povertà dall’inizio della pandemia, costringendo centinaia di migliaia di persone all’esilio forzato. Si stima che 97 milioni di persone in più vivano con meno di 1,90 dollari al giorno a causa della pandemia, e altri 163 milioni con meno di 5,50 dollari al giorno. Tre o quattro anni di progresso verso lo sradicamento della povertà estrema sono stati persi.

Lontano dai titoli dei giornali, una notizia recente mette in evidenza il doppio discorso delle grandi potenze: la riforma della tassazione delle multinazionali. Dopo due anni di negoziati, un accordo è stato adottato all’inizio di ottobre, con l’introduzione di una tassa globale sui profitti delle imprese come misura chiave. L’obiettivo? Porre fine alla devastante concorrenza tra gli Stati in termini di tassazione delle imprese, che provoca un’emorragia di risorse a scapito del finanziamento di diritti come l’accesso all’acqua, alla salute, all’istruzione o ai vaccini. Almeno 483 miliardi di dollari di entrate fiscali vengono persi ogni anno a causa di abusi fiscali da parte di multinazionali e individui ricchi. Questo sarebbe sufficiente a coprire più di tre volte il costo di un regime completo di vaccino Covid-19 per l’intera popolazione mondiale.

Magdalena Sepúlveda

Il mondo continuerà ad essere privato di questi fondi. I negoziati organizzati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l’Ocse, senza ascoltare veramente i Paesi a basso reddito, hanno portato solo ad un accordo per l’introduzione di una tassa globale effettiva minima del 15% sulle multinazionali. Questo genererà solo 150 miliardi di dollari di entrate fiscali aggiuntive che andranno principalmente ai Paesi ricchi. Si sarebbero potuti raccogliere 250 miliardi di dollari in più con un’aliquota del 21%, per esempio, e persino 500 miliardi di dollari con un’aliquota del 25%, come sostenuto dall’ICRICT, la Commissione indipendente sulla riforma della tassazione delle multinazionali, di cui sono membro, insieme ad economisti come Joseph Stiglitz, Thomas Piketty, Gabriel Zucman, Jayati Ghosh e José Antonio Ocampo.

Anche in questo caso, i leader dei Paesi ricchi sono preoccupati per la portata dell’elusione fiscale, ma rimangono convinti che il modo migliore per servire il loro interesse nazionale sia quello di sottomettersi alle richieste delle multinazionali e dei paradisi fiscali. La maggior parte di questi ultimi non sono piccole isole di palme: i Paesi dell’Ocse sono responsabili del 78% delle perdite fiscali annuali a livello mondiale per le multinazionali e i più ricchi.

Continuare a tollerare l’elusione e l’ottimizzazione fiscale da parte delle multinazionali più ricche, e di conseguenza privare gli Stati di risorse aggiuntive, è un attacco diretto ai diritti umani. Senza questi fondi, è impossibile ripristinare i sistemi sanitari che hanno combattuto eroicamente contro il virus -migliaia di medici e infermieri hanno perso la vita- nonostante le loro scarse risorse, che sono costantemente sotto attacco da programmi di austerità. È anche impossibile dare un futuro a tutti i bambini rimasti fuori dalla scuola durante la pandemia -il 99% dei bambini in America Latina, per esempio, sono rimasti fuori dalla scuola per un anno intero, e si stima che 3,1 milioni di loro rimarranno fuori dalla scuola per sempre-.

Senza fondi supplementari, è anche impossibile finanziare le infrastrutture, fornendo l’accesso all’acqua o ai servizi igienici, o agli asili nido e ai manicomi, continuando ad aumentare il carico di lavoro delle donne, che sono le prime vittime della pandemia. Infine, è impossibile affrontare l’emergenza climatica, quando l’aumento dei disastri naturali sta privando intere popolazioni di riparo e cibo.

È esasperante notare che i leader dei Paesi ricchi non abbiano ancora la misura delle crisi che stiamo attraversando. Ma un mondo migliore è possibile, grazie a un crescente movimento di persone in tutto il mondo che stanno sfidando i governi a far pagare alle multinazionali e ai super-ricchi la loro giusta quota. Ogni Paese può, se vuole, adottare unilateralmente un’aliquota molto più ambiziosa per le multinazionali, a cominciare dagli europei. L’effetto a catena su altri Paesi sarà inevitabile. Sia detto: la giustizia fiscale non è una battaglia tecnica, è uno strumento cruciale per far progredire i diritti umani.

Magdalena Sepúlveda è Direttore Esecutivo dell’Iniziativa Globale per i Diritti Economici, Sociali e Culturali e membro della Commissione indipendente per la riforma internazionale dell’imposta sulle società (Icrict). Dal 2008-2014 è stata relatrice dell’Onu su Estrema povertà e diritti umani

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.