Ambiente / Reportage

Nella terra delle grandi dighe dell’India, dove avanza il deserto

Viaggio nel distretto del Kutch, in Gujarat, una zona arida e soggetta a cicli siccitosi. L’abbandono dei sistemi tradizionali di raccolta delle acque mette a rischio la sussistenza delle comunità locali, costringendole a migrare

Tratto da Altreconomia 219 — Ottobre 2019
Un pastore della comunità Rabari in mezzo al suo gregge di ovini. Anche chiamati Desai o Rewari, sono gruppi tribali dell’India nordoccidentale, un tempo dediti alla pastorizia nomade, ma oggi sempre più stanziali - © Andrea de Franciscis
Viaggio nel distretto del Kutch, in Gujarat, una zona arida e soggetta a cicli siccitosi. L’abbandono dei sistemi tradizionali di raccolta delle acque mette a rischio la sussistenza delle comunità locali, costringendole a migrareTo access this post, you must purchase Abbonamento annuale Ae + Mosaico di Pace, Abbonamento annuale Ae + Azione non violenta, Abbonamento annuale Ae + Gaia, Abbonamento annuale Ae + Nigrizia, Abbonamento annuale Amico di Altreconomia, Abbonamento annuale estero carta + digitale, Abbonamento biennale carta + digitale,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia