Diritti / Approfondimento

La scuola è di tutti. Ecco perché l’inclusione tra i banchi è un modello

L’integrazione scolastica degli alunni con disabilità è una conquista italiana che risale a una legge del 1977. Il passo ulteriore è la presa in carico da parte di tutto il corpo docente, senza discriminazioni. Le buone pratiche esistono già
Tratto da Altreconomia 197 — Ottobre 2017
Lo spazio educativo “Le farfalle” è il cuore del progetto di inclusione scolastica “Farfalle con le ruote” attivato nell’anno 2014/2015 alla scuola primaria “Vittorio Ramella” di Vigevano (PV) - © Ilaria Sesana
Lo spazio educativo “Le farfalle” è il cuore del progetto di inclusione scolastica “Farfalle con le ruote” attivato nell’anno 2014/2015 alla scuola primaria “Vittorio Ramella” di Vigevano (PV) - © Ilaria Sesana
Marta arriva a scuola verso le 9.30. Lancia un piccolo grido di gioia quando la sua carrozzina, spinta dalla mamma, varca l’ingresso della scuola primaria “Vittorio Ramella” di Vigevano. Il tempo di togliersi la felpa e la ragazzina, 14 anni a ottobre, fa il suo ingresso in classe. “Ciao Marta, ben arrivata”, scandiscono in coro i suoi compagni. A voce alta, per farsi sentire bene. La lezione ha così inizio per tutti. La “Ramella” di Vigevano è una scuola elementare come...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia