Esteri / Inchiesta

La guerra disumana

Così le flotte telecomandate dei droni hanno cambiato incursioni e mercato. Il ruolo strategico dell’Italia
Tratto da Altreconomia 196 — Settembre 2017
La preparazione di un drone statunitense MQ-9 Reaper da parte del 432esimo “Aircraft Maintenance Squadron”. © U.S. Air Force photo by Staff Sgt. N.B./Released
La preparazione di un drone statunitense MQ-9 Reaper da parte del 432esimo “Aircraft Maintenance Squadron”. © U.S. Air Force photo by Staff Sgt. N.B./Released
Il volo silenzioso di ore, il bersaglio inquadrato. Il missile. Una scena ormai quotidiana nei conflitti “asimmetrici” del mondo, che si tratti di Iraq, Siria, Pakistan, Afghanistan, Somalia. Ma tutto è gestito da un lontano compound nel polveroso deserto del Nevada, nel verde Lincolnshire o vicino alla costa siciliana. I protagonisti sono gli aerei a pilotaggio remoto o ancora meglio “velivoli senza equipaggio”: nell’immaginario collettivo sono i “droni” (detti UAV: Unmanned Aerial Vehicles), anche se la tecnologia, cosiddetta unmanned (senza...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia