Altre Economie / Varie

Gas, bollettino dalla rivoluzione silenziosa

Vent’anni di storia dei gruppi d’acquisto solidali dimostrano quali e quanti progetti possano realizzare i cittadini che si organizzano per soddisfare in modo migliore i loro bisogni, a partire da quelli di cibo e relazioni. L’economia solidale è -oggi- un’alternativa concreta e praticata.
L’introduzione di Andrea Saroldi a "Il libro dei Gas", appena uscito per Altreconomia edizioni

Forse non ve ne siete accorti, ma qualcosa sta cambiando. Pur in mezzo alle difficoltà e di fronte a un futuro incerto moltissime persone hanno iniziato a comportarsi in modo diverso, chiedendosi cosa possono fare per migliorare un po’ la situazione e iniziando a farlo, a partire dalla propria vita.
I gruppi di acquisto solidali (Gas) sono un pezzo di questa rivoluzione silenziosa.

In questi 20 anni di storia italiana i Gas hanno potuto mostrare concretamente quanto siano arricchenti – oltre che faticose – le relazioni dirette, quanto si possa imparare e cambiare all’interno di un gruppo, quanto la nostra vita possa migliorare facendo attenzione a cosa e da chi acquistiamo, quanto sia fruttuosa la ricerca di soluzioni che possano funzionare per tutti, quali progetti possano realizzare i cittadini che si organizzano per soddisfare in modo migliore i loro bisogni: cibo e relazioni, Gas e socialità, tessile e prodotti per la casa, filiere partecipate, e convenzioni sui servizi, reti di Gas e Distretti di Economia Solidale (Des), reti nazionali e transnazionali.

A partire dal primo gruppo di Fidenza i Gas si sono moltiplicati e diffusi in tutta la penisola e hanno iniziato a collaborare con esperienze simili all’estero, hanno cercato alleanze con gli altri attori dell’economia solidale e insieme hanno avviato la sperimentazione di progetti e reti locali e nazionali, mostrando che l’economia solidale è un’alternativa concreta e praticata. Alcuni temi come il rapporto diretto con il produttore, il legame con il territorio, il rispetto della terra e delle tradizioni, il chilometro zero sono diventati di dominio comune e diverse forme di economia collaborativa stanno sciogliendo la corazza dell’uomo economico.

Ciononostante non ci vogliamo fermare, perché il passaggio d’epoca è appena iniziato e basta poco a disinnescare questa trasformazione; la crisi multipla sta colpendo e le forme della condivisione rischiano di essere rivoltate a vantaggio di pochi. Ma noi pensiamo che sia proprio questo il momento per provare il vantaggio di pensarsi insieme.

Aiutiamoci!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.