Come limite il cielo?

È il titolo di un commento sul prezzo del petrolio di Alì Morteza Samsam Backtitari,  consulente anziano della compagnia pertrolifera irachena.(www.samsambakhtiari.com)

“Nessuno sa veramente fin quando l'attuale ascesa continuerà! Il problema numero uno è che l'industria internazionale del petrolio è entrata in un nuovo territorio (ma non vuole ammetterlo) – un territorio completamentefuori dalle regole. Il secondo problema è che con timone dell'OPEC ormai inutilizzabile il bastimento del petrolio non risponde più a nessun comando noto.”È l'ammissione, da parte di un addetto ai lavori, che l'OPEC ha ormai ben pochi margini di manovra e che la sua rinuncia di fatto, anche se non ufficiale, a porre un tetto alla produzione petrolifera dei paesi membri,indica che le capacità produttive sono ormai al limite, come indicano da tempo gli esperti dell'Aspo (http://www.peakoil.net/).”Non ci sono più scorte”, diceva qualche mese fa il presidente dell'OPEC Purnomo Yusgiantoro (http://news.bbc.co.uk/2/hi/business/3529976.stm) e sarebbe meglio prenderne atto.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia