Diritti / Opinioni

Avremo mai la pensione?

Sì, ma il problema esiste, ed è serio, per chi dovesse avere una carriera lavorativa svantaggiata, in particolare chi ha iniziato a lavorare dopo il 1995
Tratto da Altreconomia 195 — Luglio/Agosto 2017
Da quando, nel 1995, il sistema previdenziale italiano ha iniziato ad abbandonare, con estrema gradualità, il metodo retributivo per sostituirlo con quello contributivo, la sfiducia dei più giovani verso il futuro da pensionati è aumentata, come conferma il sentire comune in base al quale “saremo costretti a passare una vecchiaia in povertà, visto che le nostre pensioni saranno da fame”. Ma quanto è motivato questo sentire comune? E come si potrebbero migliorare le attese dei futuri pensionati? Nel contributivo l’importo delle...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia