Cultura e scienza / Opinioni

L’arte deve smascherare la realtà

È ancora attuale la lezione di Michel Foucault di oltre 30 anni fa: la vita dell’artista deve essere una testimonianza. E Caravaggio è stato il primo. Dalla rubrica “Un volto che ci somiglia”, di Tomaso Montanari
Tratto da Altreconomia 195 — Luglio/Agosto 2017
Il ciclo pittorico su san Matteo realizzato da Caravaggio, Cappella Contarelli a Roma
Il ciclo pittorico su san Matteo realizzato da Caravaggio, Cappella Contarelli a Roma
Capita, a volte, di leggere qualcosa che, come un lampo in un cielo buio, ti illumina improvvisamente e inaspettatamente su qualcosa di lontanissimo dall’oggetto di quello stesso testo. Così è successo a me leggendo una pagina strepitosa dell’ultimo corso tenuto da Michel Foucault al Collège de France, nel 1984 (gli appunti sono pubblicati in italiano da Feltrinelli con il titolo Il coraggio della verità). In essa Foucault parla del fatto che in epoca moderna, soprattutto nella Francia del secondo Ottocento,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia